Archivio mensile:ottobre 2011

Rassegna stampa 23-28 ottobre 2011

 

L’Espresso, 13-10-2011 –“ E le mafie fanno bingo” Dai Casalesi a Cosa nostra, tutti si infilano nell’azzardo legalizzato. Ripulendo i loro capitali grazie alle licenze pubbliche”, Paolo Biondani (leggi)

 

La Stampa – Torino, 22-10-2011- “Facciamo fronte comune contro l’invasione delle slot. Collegno, appello del sindaco dopo l’iniziativa varata da Fassino”, Patrizia Romano (leggi)

 

La Stampa – Biella, 27-101-2011 – “Videopoker fuori orario, multati tre locali pubblici”, F.P. (leggi)

 

Agicos, 27-10-2011 – Lannutti, interrogazione su Atlantis – Il senatore dell’Idv chiede al Governo di “escludere l’affidamento dei giochi a società residenti nei paradisi fiscali” (leggi)

Rassegna stampa 15-21 ottobre 2011

 

La Stampa (Torino), 20-10-2011 – “Macchine mangia-soldi, il comune taglia l’orario” Emanuela Minucci (leggi e pdf16)

 

La Stampa (Alesssandria), 21-10-2011 – “Il ritorno del Casinò come risarcimento” Gian Luca Ferrise (leggi)

 

Agicos, 18-10-2011 – “Giochi, in nove mesi spesi 13,3 miliardi. Raccolta in crescita del 25% sullo stesso periodo 2010. 6,9 miliardi nelle casse dello Stato.” (leggi)

 

Gioco&Giochi – rivista online, Anno 9 – n. 9 – Ottobre 2011 (di seguito gli articoli più rilevanti):

“Gioco Illegale: Monopolio mafioso. Intervista al sen. Giuseppe Lumia” Valentina Capati (pag 21)

“Dal gioco si può avere di più”. V. Capati (p. 15)

“Presente e futuro” M. Rosi (p. 7-8)

“Le preoccupazioni non mancano” V. Capati (p. 13)

“Crisi economica e voglia di gioco” Ornella d’Angelo (p. 22)

“Piccoli e grandi, aspettando il poker” Ornella d’Angelo (p. 18)

“Risalita dall’inferno” Matteo Rosi (p. 17)

“Schiacciati dalla liberalizzazione” Marco Baranzelli (p. 16)

“Futuro in chiaroscuro” M. Rosi (p. 10)

NON E’ TUTTO ORO QUEL CHE LUCCICA!

 

Chi di noi non ha un negozio di “compro oro” vicino a casa? Sono pochi quelli che possono rispondere in modo negativo a questa domanda, soprattutto se si vive nelle grandi città. Infatti, che questo tipo di attività sia molto diffusa su tutto il territorio nazionale è una certezza. Si stima che i negozi di “compro oro” in Italia siano 6 mila e che le licenze quest’anno siano cresciute del 23,5 per cento a livello nazionale rispetto al 2010 e del 30 per cento a Roma e a Napoli, del 60 per cento negli ultimi tre anni nel Lazio e in Sicilia, del 30 per cento in Piemonte e Veneto. Con un giro d’affari complessivo per tutto il settore di circa 2,1 miliardi di euro (dati Movimprese-InfoCamere).

Continua a leggere